logo ossimoro

DOTT.SSA Erika Massaccesi

Psicologa Clinica e Pediatrica. Psicoterapeuta. Analista Transazionale.

Consulenza psicologica online

I miei servizi

cosa offro

“Lo scopo della psicoterapia è di rendere le persone libere.[The purpose of psychotherapy is to set people free]. “

Rollo May 1981, Freedom and Destiny, p. 19

Terapie

TERAPIA ANALITICO TRANSAZIONALE

Terapia ricostruttiva interpersonale

Coherence Therapy (Bruce Ecker e Laurel Hulley)

Compassion Focused Therapy

Domande Frequenti (FAQ)

La psicoterapia non deve essere intesa come una sofferenza (in alcuni momenti può anche essere dolorosa): essa funziona principalmente se si instaura una buona relazione tra il terapeuta ed il cliente. Ciò implica un accordo chiaro sugli obiettivi che il cliente desidera raggiungere concretamente, rispettando i tempi e i modi di ognuno. Incontrarsi di volta in volta (una volta a settimana) è un modo per imparare a incuriosirsi rispetto alla propria storia ed entrare in contatto con quei pensieri, emozioni ed immagini di sé poco conosciuti o soppressi.

Jung diceva che: “tutto ciò che ha valore esige tempo e richiede pazienza, affinchè le parole dette e ascoltate diventino memoria”.

Spesso si pensa che i problemi di tipo psicologico necessitino di un intervento lungo e costoso. Personalmente ritengo che un buon modo per rispondere a questa domanda sia chiedersi quanto ci si senta vicino all’obiettivo concordato. La durata della psicoterapia è quindi da mettere in relazione alla persona, alle sue esigenze e alla situazione che sta vivendo.

 

Sì: in quanto professionista sanitario, è lo psicologo/psicoterapeuta stesso a notificare all’Agenzia delle Entrate le spese sostenute presso il suo studio dai suoi clienti/pazienti, attraverso il cosiddetto Sistema Tessera Sanitaria (TS), a meno che questi non chiedano espressamente di non inviare i dati relativi alle loro fatture perché non sono intenzionati a detrarre questa spesa.

La durata di ogni seduta è di 50 minuti.

Lo Psicologo è un professionista laureato in Psicologia e abilitato alla professione in seguito al superamento dell’Esame di Stato, a cui accede solo dopo un adeguato e prolungato tirocinio pratico. Per esercitare la professione lo Psicologo deve essere iscritto regolarmente all’Albo degli Psicologi, nella sezione regionale di appartenenza.

Lo Psicoterapeuta è un professionista laureato in Psicologia o Medicina e Chirurgia che abbia acquisito una specifica formazione teorica e pratica, almeno quadriennale, presso scuole di specializzazione universitarie o riconosciute dal MIUR secondo la normativa vigente.

Ovviamente “agli psicoterapeuti non medici è vietato ogni intervento di competenza esclusiva della professione medica” (legge 56/89 art 3.2), e dunque uno psicologo-psicoterapeuta non può in nessun caso prescrivere farmaci.

Concludo con l’aspetto che più mi è stato di aiuto e di stimolo per la mia formazione psicoterapeutica e che riguarda la mia analisi personale. Attraverso l’analisi personale, il terapeuta in formazione può compiere l’esperienza diretta della relazione clinica, capirne il valore, la potenza e la ricaduta emotiva.  Questa è l’unica strada attraverso la quale interiorizzare gli strumenti necessari alla propria professione. Lo strumento principale di ogni terapeuta è esso stesso. 

Esistono molti pregiudizi legati alla figura dello strizzacervelli. Non occorre essere “matti” o “malati” per rivolgersi ad uno psicoterapeuta. È utile richiedere sostegno ad un professionista quando l’aiuto delle persone a noi vicine non è sufficiente per superare la confusione, il disagio o la sofferenza percepita.

Quando ci si sente soli, impotenti, abbandonati e senza una via d’uscita.

Quando cambiamenti e tappe importanti della vita (come la fine di una relazione sentimentale, sposarsi e avere dei figli, cambiare lavoro o città, affrontare una malattia o un lutto, e così via) vengono vissuti con malessere, disagio, sentimenti negativi quali tristezza, rabbia, sensi di colpa e vergogna oppure con eccessiva stanchezza e sintomi fisici per noi inusuali.

Quando manifestiamo una sintomatologia (ansia, depressione, disturbi alimentari, disturbi psicosomatici) che interferisce con la nostra vita, impedendoci di vivere una vita piena e soddisfacente.

Quando qualcosa dentro di noi non va ma non sappiamo bene cosa, quando sentiamo che vorremmo fare qualcosa di diverso o essere diversi ma non riusciamo.

In tutti questi casi allora rivolgersi a uno psicologo/psicoterapeuta può risultare molto utile per riappropriarsi della propria vita.

Hai qualche domanda per me?

logo ossimoro

DOTT.SSA Erika Massaccesi

Psicologa Clinica e Pediatrica. Psicoterapeuta. Analista Transazionale.